Il “Premio Galileo 2000 – Una vita per la musica” nasce nel 1996 da un’idea dell’Avv. Alfonso De Virgiliis, accolta e condivisa dalla Sovrintendenza del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

L’intento è quello di sostenere e promuovere una manifestazione musicale che sia espressione della continuità artistica nel tempo.

Si articola nei seguenti punti:
-Abbinare in una stessa manifestazione musicale, un giovane artista (il Pentagramma d’Oro) all’interprete affermato e internazionalmente riconosciuto (il Giglio d’Oro)
-Scegliere una “Giovane” promessa del concertismo o della danza da affiancare al Maestro di fama internazionale nell’esecuzione di un concerto o di un balletto classico o moderno.
-Riproporre,nell’ambito delle due stagioni successive, da parte del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino un ulteriore concerto o esibizione del “Giovane” per poter contribuire, ancora una volta, al consolidamento delle qualità dell’artista.

Poiché chi ama la musica non può non amare la pace, dopo una lunga tradizione di premi musicali alle maggiori personalità nel campo, il Premio Galileo 2000 è stato riconosciuto anche ad una figura di fama internazionale che ha contribuito con le proprie azioni, impegno personale e morale alla costruzione della pace nel mondo.

Nasce così nel 2003 il “Premio Galileo 2000 Speciale per la Pace”; primo vincitore è stato Shimon Peres.
Ma la musica è cultura e la pace ha bisogno di una crescita culturale per meglio affermarsi.
Nel 2004 viene istituito il “Premio Galileo 2000 Speciale per la Cultura”: primo vincitore Jack Lang.
Il 2005 è l'anno di nascita della Fondazione Premio Galileo 2000 e di un nuovo ed ulteriore riconoscimento il "Premio Speciale Libertà del Pensiero" al filosofo Bernard - Henri Lévy.

Nel 2006, anno del decennale, il Premio riceve il riconoscimento dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e si arricchisce di altre sezioni:
Premio per la Danza e Premi Speciali Leonarda "Genio di donna" e Leonardo "Genio di uomo".